ODDITIES – In mostra le “stranezze” di Marco Cazzato

Siamo orgogliosi di ospitare nei nostri spazi una mostra così prestigiosa, con un autore del calibro di Marco Cazzato, tra i più apprezzati disegnatori italiani della “vecchia scuola”, quelli che ancora utilizzano il pennello e la matita.
Pittore, disegnatore, illustratore.

Oddities sta per stranezze, le stesse che Cazzato riporta in ogni suo lavoro dove l’ordinario si trasforma in straordinario grazie al suo modo di interpretare anche i più piccoli dettagli di un disegno in chiave surreale.

È il caso delle tavole di “Album” (suo ultimo libro edito da GRRRZ nel 2016) per il quale ha svolto un grande lavoro di ricerca nei mercatini d’antiquariato, raccogliendo vecchie fotografie di sconosciuti e usandole come ispirazione per un suo personale albo di fotografie illustrate (o illustrazioni fotografiche?).
Il disegno fa il verso alla fotografia e viceversa in questo lavoro che stravolge le quiete aspettative di chi lo osserva quando lo sguardo si posa su tentacoli di polipi, vulcani al posto di volti e dinosauri nascosti a Villa Ada, il tutto realizzato utilizzando solamente tre colori: bianco, seppia e nero.
Il libro risulta essere un lavoro di profonda introspezione, Cazzato scava nel subconscio, mescola le carte tra realtà e sub-realtà, gioca con ricordi altrui, dimostrando un lato intimo, scuro forse, ma di grande libertà espressiva e stilistica.
Nel 2017 invece lavora per TINALS (This Is Not A Love Song) al remake illustrato del capolavoro di Federico Fellini “8 e mezzo” di cui sono esposte nella mostra le tavole originali (la concomitanza con il TFF rende questo appuntamento ancora più interessante). Quindici frames del film rivisti e illustrati con grande maestria, utilizzando in maniera pazzesca la luce e le ombre.

A completare la personale torinese saranno tre nuove tirature di stampe giclée (stampe d’arte digitale) di altrettante tavole di “8 e mezzo” e i lavori originali realizzati negli anni per copertine di libri, manifesti teatrali, rubriche editoriali e lavori personali.

Il  23 novembre alle ore 19.00 ci sarà l’incontro con l’autore!
Presso la LIBRERIA BODONI – Via Carlo Alberto 41
assieme a:
Stefano Boni (responsabile programmazione Museo Nazionale del Cinema)
Serena Fumero (storica dell’arte)